venerdì 8 settembre 2017

TD-V26, radiolina cinese: recensione

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Visto che non ho niente di meglio da fare, facciamo due parole su questa radiolina cinese comprata sulla baia per cinque euro.

Sembra una baracca, mi aspettavo una baracca, eppure si è rivelata un prodotto valido per il prezzo che ha.

Tre sono le funzioni principali, prendiamole in esame una per volta.

Radio: ha un'antenna retrattile che le permette di prendere le stazioni radio. Ne trova anche abbastanza, il problema è la ricerca. Spieghiamo: premendo il secondo tasto da sinistra inizia la ricerca delle stazioni. La ricerca non si può fermare fino a che non si è fatto tutto il giro delle frequenze memorizzando tutte le stazioni disponibili. A me è arrivato a memorizzarne anche una settantina. Poi con il terzo e il quarto tasto si cambia stazione, potendo solo avanzare e arretrare di una per volta. Gli stessi due tasti permettono anche di regolare il volume, tenendoli premuti.
E' chiaro che questo metodo è maledettamente scomodo: non c'è memorizzazione delle stazioni preferite, bisogna ricordarsi il numero di canale assegnato, dopo averla cercata tra tutte le altre radio esistenti. L'unica cosa buona è che quando la spegnete alla riaccensione la ritrovate sulla stessa stazione sulla quale l'avete spenta.
Inoltre se vi spostate (a me è capitato di usarla come radiolina guidando una vecchia Panda senza autoradio) e oltrepassate un limite oltre il quale cambiano le frequenze ovviamente non si sente più nulla, e dovete rifare la sintonizzazione da capo. Facile che ci metta più tempo di quello che vi serve per arrivare a destinazione.



Però c'è la seconda funzione che un po' ci salva:
Cassa: si può usarla come cassa per uno smartphone o altro apparecchio audio come lettori mp3 grazie a un cavo con due jack fornito nella confezione. In questo modo se si vuole ascoltare la radio si può usare quella del cellulare, che magari ha un'interfaccia più amichevole.
In realtà non l'ho mai usata in questo modo. Comunque si può.



Lettore mp3: nella radiolina può essere inserita una micro SD (ho provato con una mia da 16 GB e l'ha letta) nella quale si può stivare la nostra musica.
Le funzioni di ascolto sono sempre quelle: brano precedente, brano successivo, volume + e volume -. Basta.
Io ho comprato una micro SD, sempre sulla baia, da 4GB a meno di 5 euro (il che fa salire il prezzo di tutto il pacchetto a poco meno di 10 euro) e ci ho messo sopra brani a caso, scelti grazie a Random MixTape Maker, programmino gratuito e che non richiede installazione che permette appunto di scegliere brani a caso dal nostro pc. Si possono selezionare le cartelle, decidere se includere anche le sottocartelle, selezionare i brani secondo alcune caratteristiche (solo brani che rientrano in un certo intervallo di data di incisione, limitare quelli dello stesso artista, solo quelli più lunghi di tot minuti, eccetera). Ci mette un po' a scandagliare le cartelle selezionate ma poi basta trascinare i brani nella SD.
Questo è il modo in cui io uso di più  questa radiolina.

Me la metto lì mentre faccio altro, magari lavori in giardino o di fai da te di vario tipo, e mi ascolto brani a caso senza impegno. La qualità audio è decente per quello che è l'apparecchio, e la batteria, al litio ricaricabile tramite usb, ha una durata maggiore di quello che mi aspettavo, diverse ore (non le mai contate con precisione) di ascolto ininterrotto.

Completamente inutili, anzi fastidiosi, i led sotto la base che lampeggiano per tutto il tempo, ma di giorno quasi non si vedono, per fortuna.

Certo che chi vuole "ascoltare la musica" è meglio che guardi da un'altra parte. Ma quelli a cui basta una radiolina per compagnia mentre fanno altro potrebbero trovarla una buona idea, a questo prezzo.

Il Moro


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;